News

online il nuovo sito del santuario di Cerveno

30-07-2015

Vi comunichiamo che è online il nuovo sito istituzionale della Parrocchia San Martino vescovo e del Santuario della Via Crucis in Cerveno. Qui potrete trovare le informazioni relative al santuario, alle visite e a tutte le azioni della Parrocchia che gestisce, oltre alle attività di vita della parrocchia, il Santuario, la via Crucis e ne promuove la conoscenza.

visitate www.capeledicerveno.it

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera. (https://it.wikipedia.org/wiki/Santuario_della_Via_Crucis)

Il Santuario della Via Crucis (le Capèle in dialetto camuno) è un edificio posto di fianco alla chiesa parrocchiale di Cerveno, in Valle Camonica, contenente una Via Crucis lignea del XVIII secolo.

Il santuario si inserisce nella tradizione lombardo-piemontese dei Sacri Monti: si dispone lungo un corridoio a gradoni che culmina alla sommità con la cappella della Deposizione.

Sui lati, disposte in nicchie, si trovano le 14 stazioni contenenti 198 statue a grandezza naturale in legno e gesso dello scultore camuno Beniamino Simoni.[1]

L’opera venne commissionata il 1º gennaio 1752 a Beniamino Simoni di Fresine, artista della scuola del Fantoni, da don Andrea Boldini, parroco di Cerveno.

Il lavoro si protrasse fino al 1764, quando, per continue liti tra l’artista contro la parrocchia e gli abitanti di Cerveno, la fine dell’opera venne affidata a Donato e Grazioso Fantoni, i quali ultimarono le stazioni VIII, IX e forse X.

Ogni dieci anni, in una domenica di maggio, gli abitanti propongono una rappresentazione vivente della Passione, detta “Santa Cruz” (> vedi wikipedia)

Share